Questo week end ci siamo trasferiti sul bellissimo Lago di Garda, più precisamente a Bardolino, dove ha preso il via, sabato 15.06. la 36ma edizione del Triathlon Internazionale di Bardolino su distanza olimpica.

Il triatlon più longevo d’Italia che richiama atleti stranieri, grazie ad un’organizzazione attenta e curata.

Una zona cambio su due piani, 1700 atleti partenti, suddivisi in 11 batterie.

La prima frazione di nuoto disegnata nelle acque turchesi del lago, a lambire la costa in modo che il pubblico possa seguire gli atleti.

Un percorso bici, impegnativo, che non lascia mai tregua, su di un unico giro da 40 km.

Mentre l’ultima frazione di corsa, abbracciava la cittadina di Bardolino, con il secondo giro a lambire le acque del porticciolo.

Bellissimo il clima di festa e l’incitamento dei tanti tifosi, soprattutto stranieri, già in ferie. 

Più volte negli ultimi 10 km di corsa, è riecheggiato “Don’t give up, finish!” Che bello; è stato come aver gareggiato all’estero, dove tutti si fermano per incitare gli atleti.

Come di consuetudine, ad alzare il sipario sono state le prime due batterie femminili, con start alle 12:30

VTT si è presentata al via con 9 atleti, tra cui Michaela Bottigelli che ha fatto il suo esordio sulla distanza olimpica.

Il più veloce a tagliare il traguardo è stato il nostro Aronne Filippo Carmine con il tempo complessivo di 2:33:32 407mo assoluto , a seguire

Luca Dante Giudici con 2:37:57 523mo assoluto, Massimo di Lillo con 2.37:57 524mo assoluto, il vicePresidente Romeo Mariani con 2:47:59 769mo assoluto, ed infine Vittorio Dell’Orto in 3:15:47 1114mo assoluto.

Tre le donne al via

Michaela Bottigelli  al suo esordio sulla distanza olimpica, accompagnata dai suoi super tifosi, la mamma e il marito Davide, chiude con un bellissimo tempo di 3:07:19 128ma assoluta, a seguirla, Grazia Cimino che lo scorso anno aveva fatto le sue prime bracciate in acque libere, proprio qui a Bardolino, con il tempo di 3:19:34, ed in ultimo Barbara Lodi con il tempo di 3:23:56.

Complimenti anche a Lazzaro Baj per aver concluso il Zugspits Ultra Trail, 38 km con D+ 1.900 m

Alla prossima

Comment