Un week end di gare che ha visto impegnati i nostri William, Angela e Stefano al 70.3 di Mergozzo, ed Emanuele e Debora allo Sprint di Viareggio. Non fatica ma emozioni.

Domenica affollata di gare, la scorsa, con protagonisti Emanuele e Debora protagonisti dello Sprint di Viareggio dove hanno dato battaglia ed hanno domato le acque marine, in proiezione olimpico di Peschiera del Garda del prossimo 24.09.

Mentre William ed Angela (i nostri "Molli") insieme a Stefano Pozzi si sono messi alla prova sulla distanza mezzo ironman, o 70.3 a Mergozzo.

Frazione nuoto che sviluppa su due giri, con uscita dall'acqua per la gioia dei tanti spettatori presenti, la parte bici davvero piatta, e una frazione di corsa, sulla distanza della mezza maratona, multilap. Giornata calda ma ben gestita dai nostri portacolori che hanno regalato ad Angela e alla Famiglia VTT un podio di categoria del tutto inatteso!

Bravissimi tutti!

Queste le vive parole di Stefano Pozzi "Ecco a raccontare la mia esperienza sul Triathlon medio di Mergozzo
1,9 nuoto
90 bici
21 corsa

La partenza del nuoto è sempre caotica sopratutto fino alla prima boa,  c'è sempre un po' di traffico e ricevo una botta che mi sfila quasi la cuffia, ma intanto gli occhialini erano all'interno, tiè! Anche se pratico questa disciplina da poco tempo, mi ci è voluto poco a capire che delle 3 discipline i più cafoni sono i nuotatori. 
Dopo questi scontro riesco a prendere un buon ritmo,  quasi sempre con respirazione ogni 2 bracciate. esco dopo il primo giro e mi rituffo in qualche modo per il secondo. 
Esco dal nuoto dopo 37 min e per gioco avevo detto a Filippo di contare quanti sarebbero passati prima di me...mi dice 68. 
Sapevo di essere andati benino, ma sono molto sorpreso e so che lui non sbaglia con i conti, considerando che erano già passati un paio della staffetta. 
Dopo il nuoto per raggiungere la zona cambio ci sono 400m con anche una bella salitella. Cerco di sfilare le maniche della muta mentre corro ma sembra incollata e fa fatica ad uscire. 
Raggiungo la bici e mi siedo per terra per sfilare meglio la muta

Parto per la tratta in bici e sento che le gambe girano bene, andata 22km, poi ritorno, da ripetere 2 volte. Dopo il primo giro mi hanno superato solo 5 corridori. 
Non vedo la media del primo giro, ma penso 35km/h
All' inizio del secondo giro capisco che ho tirato troppo e che devo iniziare a fare i conti e tenere energie per la corsa; mi sa un po' troppo tardi in quanto sento che le gambe sono molto stanche, non riesco a spingere i rapporti del primo giro e molti mi superano anche in scia, che qui è vietata, non provo nemmeno a reagire per mantenere le energie per dopo. Tempo bici 2h41 @ 32,8 km/h di media

Corsa , inizio a dire che sono le 13:30 e ci sono 30 gradi. Quest'anno ho migliorato la resistenza al caldo, ma per me sono comunque condizioni estreme. 
Parto con il mio ritmo ma dopo pochi km devo correggerlo. Dopo la prima mezzora, mi fermo a tutti i ristori per bere molta acqua e recuperare un po'. 
Alessandra e Filippo mi incoraggiano sul percorso e sanno che non è la mia andatura usuale. Molti camminano, altri mi sorpassano, insomma non si è mai soli e anche se non sono andato al mio ritmo, non penso di avere perso molte posizioni in questa tratta. 
Per gli ultimi 2 km raccolgo le ultime energie e mi spingo al traguardo con un buon ritmo, tempo della mezza 1h55' 
Tempo totale 5h19' soddisfatto
129° su 250 arrivati

Secondo Triathlon medio dell'anno e devo continuare a fare esperienza !! 

Analisi percorso:
Nuoto, lago calmo e qualità dell'acqua buona (distanza misurata 2km) 
Bici percorso ideale piatto con qualche leggero saliscendi (distanza misurata 88km), peccato che la strada sia aperta al traffico
Corsa, percorso piatto su strada da 2,5km, pertanto giro da 5. (misurata 20,7km)"

Un arrivederci sui campi gara

1 Comment