Che giornata speciale di sport e divertimento!

Anche se per la sottoscritta, non è andata bene, resta la gioia del risultato di squadra e la soddisfazione di aver visto gareggiare gli amici e compagni.

La loro fatica e il loro entusiasmo ripagano di ogni delusione personale ed offrono nuovi stimoli per il raggiungimento di futuri traguardi.

Ed ora una parola per tutti i protagonisti.

Gerardo: all’esordio nel triathlon, ha lottato come un leone in acqua, insieme agli altri 1427 scatenati. Arrivato stremato dalla prova natatoria, è partito in bici, all’inseguimento di chi lo precedeva… Se dall’acqua è uscito stremato, nell’ultima frazione si è letteralmente “leccato i baffi”: era l’unico a fare lo slalom tra gli atleti in gara – un sorpasso continuo lungo 10km che gli ha consentito di raggiungere la 745 posizione assoluta! Bravissimo

Swim 35:58  T1 0:05:22  Bike 1:18:42  T2 0:02:17  Run 0:41:02 (media 4’06″min/km) tempo totale 2:43:19

Aronne: nuotatore ed ex canoista, dotato di spalle “mostruose” aveva assaggiato il triathlon, partecipando a staffetta al 70.3 di Pescara del 2012, dove ci siamo conosciuti. Ovviamente la sua frazione fu il nuoto ed infatti, a Bardolino, nonostante il sangue da naso, rimediato per colpa di una gomitata ricevuta nella tonnara, controlla bene e solo negli ultimi 200m mette le turbo eliche. Esce molto bene dalla zona cambio e schiaccia sui pedali per mantenere la posizione conquistata in vista dell’ultima frazione in cui si sente più penalizzato. Arriverà a pochi secondi di distanza da Gerardo! Complimenti

Swim 27:32  T1 0:05:00  Bike 1:15:45  T2 0:02:46  Run 0:52:44  tempo totale 2:43:45

Paolo: triathleta dal cuore grande, sposa la mia filosofia: aspettatemi che arrivo. Nel nuoto si è difeso bene, in bici si è divertito e forse anche un po’ conservato per la corsa. In corsa è stato uno spettacolo: il crono non conta quando l’impegno e la lucidità del gesto atletico fanno unico un atleta. Sempre con un bel sorriso in volto, nonostante la fatica, l’ho visto commuoversi sotto il traguardo. Grande uomo, dall’animo sensibile, ti vogliamo sempre così. Grande!

Swim 36:42  T1 0:04:41  Bike 1:32:47  T2 0:02:53  Run 0:51:26  tempo totale 3:08:26

Romeo: tra noi, l’atleta con più esperienza, che ha deciso di “buttarsi” dentro a Bardolino, per spirito di squadra non certo per le condizioni fisiche che tanto lo stanno limitando dal punto di vista agonistico. Uomo ed atleta di gran cuore, ha usato l’esperienza per gestire la gara ma soprattutto, per trasformare questa gara in divertimento. Intervistato, ha raccontato di essersi “divertito” nel nuoto, come raramente gli è capitato, ha saputo mantenere la calma, quando uscito dalla zona cambio, ha forato la ruota anteriore. Rimessosi in bici ha “sverniciato” di soppiatto (ma neanche tanto), un bel po’ di atleti, in sella alla fidata Decathlon della moglie, con cerchi da 26″, dotata di tripla… e così in salita a litigare e a chiedere consiglio, senza pudore, agli altri triathleti,  su come cambiare rapporto per poi, in discesa ritrovarsi in “folle” abituato a spingere il 53×11… Arrivato in zona cambio, particolarmente divertito e soddisfatto, ha sofferto in corsa, a causa della sua anca ma non ha mai mollato. Romeo c’è!!!

Swim 31:13  T1 0:03:18  Bike 1:22:28 (con foratura)  T2 0:02:32  Run 0:55:04  tempo totale 2:54:33

Barbara: non sono triathleta di primo pelo ma pur avendo un ottimo rapporto con l’acqua, nuotare in acque libere mi mette sempre in apprensione. E a Bardolino ho provato brutte sensazioni che ho cercato di combattere con la mia testa… finché non sono arrivata esausta quasi alla prima boa, con il fiato rotto, con la voglia di aprire la muta per poter finalmente respirare. Poi è arrivato quel pensiero, che non dovrebbe mai arrivare: il ritiro. Ho tentato il dorso ma la testa non c’era più. E così mi sono fatta ripescare da una barca d’appoggio. Riaccompagnata a riva, ho lottato per trattenere le lacrime di delusione mentre ho continuato a tremare per circa 45 minuti e, posso garantire che non tremavo di freddo. Bardolino, è una gara di alto livello, con partenze a batterie, non ci si può “improvvisare”. Avrei dovuto prepararmi meglio e, un’altra cosa, mai partecipare ad una gara se non si è in ottima forma: io non lo ero. Babi: rimandata!

Comment